Site Loader

Nuovi dati, basati su osservazioni del satellite Copernicus Sentinel-5P, stanno mostrando forti riduzioni delle concentrazioni di biossido di azoto in diverse città importanti d’Europa, tra cui Parigi, Madrid e Roma.

Il Coronavirus (COVID-19) si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo, ha colpito ormai 170 paesi con oltre 530.000 casi confermati in tutto il mondo. L’epidemia di coronavirus è stata dichiarata una pandemia globale dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che da allora ha dichiarato che la malattia sta “accelerando”.

Al fine di frenare la diffusione dell’epidemia di COVID-19, i paesi di tutto il mondo stanno implementando misure rigorose, mettendo in blocco città e persino interi paesi.

Concentrazione del biossido di azoto sulla Francia

Il satellite Copernicus Sentinel-5P ha recentemente mappato l’inquinamento atmosferico in Europa e Cina e ha rivelato un calo significativo delle concentrazioni di biossido di azoto, in coincidenza con le rigorose misure di quarantena adottate. Gli scienziati del Royal Netherlands Meteorological Institute (KNMI) hanno utilizzato i dati del satellite Copernicus Sentinel-5P per monitorare sia le condizioni atmosferiche che l’inquinamento in Europa.

Le nuove immagini illustrano chiaramente una forte riduzione delle concentrazioni di biossido di azoto nelle principali città europee, in particolare Milano, Parigi e Madrid. Le immagini satellitari mostrano le concentrazioni di biossido di azoto dal 14 al 25 marzo 2020, rispetto alla media mensile delle concentrazioni dal 2019.

Henk Eskes, di KNMI, spiega perché sono state scelte queste date: “Le concentrazioni di biossido di azoto variano di giorno in giorno a causa dei cambiamenti del tempo. Non è possibile trarre conclusioni sulla base di un solo giorno di dati.” Continua, “Combinando i dati per un determinato periodo di tempo, in questo caso 10 giorni, la variabilità meteorologica viene mediata e iniziamo a vedere l’impatto dei cambiamenti dovuti all’attività umana”. “La chimica nella nostra atmosfera non è lineare. Pertanto, il calo percentuale delle concentrazioni può differire leggermente dal calo delle emissioni. Per quantificare le emissioni sulla base delle osservazioni satellitari, sono necessari modelli di chimica atmosferica, che spiegano i cambiamenti giornalieri delle condizioni meteorologiche, in combinazione con tecniche di modellazione inversa. “

Il team KNMI, in collaborazione con scienziati di tutto il mondo, ha iniziato a lavorare su un’analisi più dettagliata utilizzando dati del suolo, dati meteorologici e modelli inversi per interpretare le concentrazioni osservate, al fine di stimare l’influenza delle misure di contenimento.

Henk commenta: “Per stime quantitative dei cambiamenti nelle emissioni dovuti ai trasporti e all’industria, dobbiamo combinare i dati Tropomi del satellite Copernicus Sentinel-5P con modelli di chimica atmosferica. Questi studi sono iniziati, ma ci vorrà del tempo per completarli. “

Altri paesi del nord Europa sono attentamente monitorati, inclusi Paesi Bassi e Regno Unito, ma gli scienziati hanno osservato una maggiore variabilità a causa delle mutevoli condizioni meteorologiche. Le nuove misure di questa settimana aiuteranno a valutare i cambiamenti del biossido di azoto nell’Europa nord-occidentale.

Claus Zehner, responsabile della missione Copernicus Sentinel-5P dell’ESA, afferma: “Le caratteristiche speciali del satellite Copernicus Sentinel-5P, con la sua elevata risoluzione spaziale e la capacità accurata di osservare i gas in traccia rispetto ad altre missioni satellitari atmosferiche, consentono la generazione di queste misure uniche di concentrazione di biossido di azoto dallo spazio. “

Il direttore dei programmi di osservazione della Terra dell’ESA, Josef Aschbacher, afferma: “La cooperazione a lungo termine tra ESA e KNMI si rivela molto preziosa e dimostra l’importanza delle analisi complementari di diverse organizzazioni partner. Come possiamo vedere, il satellite Copernicus Sentinel-5P è il miglior satellite equipaggiato per monitorare le concentrazioni di biossido di azoto su scala globale. ”

Articolo originale qui